I FIGLI DEGLI ADDOTTI

Come bene sapete, ogni volta quando ho sentito il bisogno di informare la gente su cose di quale pochi parlano e altri pochi ancora conoscono, ho scritto un articolo in quale raccontavo in prima persona le cose che succedevano, le cose che io ho passato. Questa volta non parlerò di me. No. Questa volta parlerò dei bambini che sono sfruttati e preparati dagli alieni per diventare i futuri addotti.
Non ho mai pensato di conoscere queste cose, pero, quando si prende la coscienza del esistenza di questo mondo scuro, che non si vede pero si sente, capisci subito tutto. Questo fenomeno sembra ancor’ più spaventoso e scorretto quando di mezzo sono i bambini.
Ho avuto la sfortuna di conoscere le loro sofferenze, le loro paure, la loro inconsapevolezza di quello che li succede e sopra tutto ho visto su di loro i segni che questi esseri lasciano sul loro corpo, sui loro ricordi e sulla loro coscienza. Il bambino non sa niente, non può dare delle spiegazioni su quello che vedono e sentono pero ti rendi conto che tutti sono coscienti del fatto che qualcosa nel buio esiste e li sta spiando. C’è qualcuno che ha amici immaginari e altri che si ricordano di cose e mondi di quale non devono sapere.
I bambini degli addotti nascono come per miracolo nelle condizioni impensabili e sono capaci di sopportare e passare cose che un altro non può superare. Sono intelligenti pero ti raccontano sempre cose che di solito le loro mamme non credono e li considerano invenzioni, immaginazioni tropo esagerate del bambino. I loro disegni sono diversi da quelli di un altro bambino e anche quello che vedono e sentono è diverso.
Voglio raccontarvi un può di cose che mio figlio ha passato e anche altre cose che vedo che succedono ai altri bambini che hanno i genitori inconsapevoli di questo fenomeno a quale non solo che non credono ma ne anche non vogliono sentire niente.
Quando mio figlio era piccolo ho passato insieme a lui dei momenti più che impossibili a quale non ero capace di dare una spiegazione in quei tempi, momenti che mi hanno messo paura, segni di domanda e nessuna risposta.
Quando mio figlio aveva 6-7 anni e faceva la prima elementare, una sera si mette nel letto molto presto perche mi disse che era molto stanco. Io abitavo nella mia casa con una mia amica che ospitavo e con quale lavoravo, fin che il suo marito metteva a posto la loro casa. Quella sera, mio figlio si addormenta veloce e a me sembrava che qualcosa non è in regola. Metto la mano sulla sua faccia e mi rendo conto che ha la febbre molto alta. Ho pensato subito che ha raffreddore come succede di solito con i bambini e i metto il termometro per essere sicura. Mia amica stava vicino a lui e in fra tempo io sono andata in cucina per preparare un tè e qualche medicina. Lei mi chiama spaventata e mi dice:” vieni subitoo, ha 42 di febbre”
Io: 42? Ma sei fuori?? Doveva essere già morto. No, no dovrebbe essere uno sbaglio o il termometro non è buono, e i lo rimetto. Questa volta sono stata io vicino a lui. Dopo un può di tempo lo prendo, lo guardo e…..si, aveva 42 di febbre. Ho pensato subito di prendere un lenzuolo, bagnarlo con acqua fredda e mettere il bambino li, dentro, perche era troppo bollente e rosso. Sapevo questa cosa dalla mia mamma che era un medico e quando la febbre è molto alta fin che le medicine fanno il loro effetto è meglio procedere in questo modo. Ero spaventata, i miei piedi tremavano perche era il solo figlio che mi era rimasto perche il piccolino se ne era andato. Cerco di parlare con lui pero era come in una specie di sonno. Lo chiamo tremando, grido, lo prendo dalle guance cercando di svegliarlo. Era come fossi morto, come in lui non era niente, era un corpo vuoto e in quel momento si muove, e inizia a gridare tremando:” mamma, mamma, allontana questi serpenti da me, allontana i serpenti da me, ti prego mamma non voglio che mi prendono” e come impazzito, si scopre e cercava di allontanare questi esseri che lui vedeva nel suo letto. Io spaventata i dicevo:” non vedi che non c’è niente, non vedi che non viene nessuno a prenderti?” ma lui mi ha presso tra le braccia e piangeva, tremava e raccontava cose strane di questi esseri che volevano prenderlo. Dopo 5-6 minuti si tranquillizza e i passa la febbre. Sudava freddo e non era più bollente. Allora si ha messo ancora a dormire come niente fosse. Per me fu uno socco. Non riuscivo a capire come mai poteva succedere una cosa del genere. Ho chiesto al medico pero la sua spiegazione non mi ha mai convinta perche, secondo lui, come forse succede nelle situazioni normali, quando la febbre è alta hai delle allucinazioni. Ok, posso anche essere d’accordo su questo aspetto pero con 42 di febbre devi essere in coma e poi non è che una cosa del genere passa in 5 minuti come niente fosse. Da allora mio figlio per tutta la sua infanzia ha avuto sempre brutte emorragie dal naso. Si alzava poverino dal sonno per andare nel bagno e cercare di fermare l’emorragia e per cambiare il cuscino e il pigiama. Sono andata nel ospedale per cauterizzarlo pero senza risultato. Ha sopportato l’intervento però l’emorragia lo aveva lo stesso.
Lui è stato sempre molto forte e non ha mai avuto paura di niente pero dentro di se ha saputo sempre che qualcosa non va.
Erano giorni quando sulla sua schiena comparivano dei puntini come qualcuno i faceva delle iniezioni con decine di aghi. Altre volte erano in forma di L, altre volte di triangolo o pure comparivano delle bruciature. Ho sempre pensato che erano fatte da diversi insetti senza essere consapevole del fatto che nessun insetto del mondo non è capace di morsicarti in quelle forme senza essere rosso o gonfio, senza avere del prurito e senza sentire il bisogno di grattarti. Quando non sei consapevole di certe cose non ti rendi conto che quello che pensi non è per niente una spiegazione logica a quello che succede nella realtà.
Ho cercato di capire quali sono i sogni di mio figlio perche tante volte si alzava spaventato, sudato, rimbambito. E cosi, lui mi racconta:
Lui: Sai, io faccio tanti sogni belli pero mi capitano anche quelli bruti con esseri strani.
Io: In che senso esseri strani ?
Lui: Perche sono come gli animali che stano in due piedi e parlano con me.
Io: E, ma non hai visto che anche nei cartoni animati sono animali che parlano? I tuoi animali che cosa sono??
Lui: Sono come i coccodrilli, alti, squamosi e con la pelle marroncino.
Io. E cosa ti dicono?
Lui: Non mi dicono niente. Mi guardano solo.
Io: E tu hai paura?
Lui: Qualche volta si, qualche volta no.
Queste sono qualcuna tra le tante stranezze che un bambino con i genitori addotti può avere. Pero non è tutto perche voglio raccontarvi di altri bambini con quale io sono in contatto e quale hanno seri problemi con questi esseri. Anche a loro succedono cose che sono successe a mio figlio pero questi sono meno coraggiosi. Hanno molta paura e anche loro raccontano di diversi esseri che vengono nei loro sogni. Io ho consigliato a questi bambino di fare cosi :
Io: Guarda facciamo un gioco. Quando loro vengono da te, tu li dici di andarsene via perche non hai più voglia di giocare con loro. Se loro non vogliono andarsene e ti obbligano di fare qualcosa che a te non sta bene, tu tendi le manine e allora dai tuoi palmi usciranno dei raggi bianchi che li faranno allontanare. Tu non devi avere paura di niente perche sei più forte di tutti e poi fare tutto quello che vuoi.
Dopo qualche settimana, in un giorno mi dice:
Lui : Sai Gabri, è un può che non sogno più i draghi.
Io: Bravo. E cosa sogni?
Lui: Sogno uomini.
Io: Bene. E cosa fanno con te questi uomini, perche vengono da te? Che colore hanno i loro capelli?
Lui: Aaa, vengono perche vogliono sapere se sono malato o no. Mi fanno tanti accertamenti nel ospedale s’interessano dalla mia salute e i loro capelli sono di colore Orange.
Io: ????? Cazzoo, penso io subito. Senti, e tu cosa fai? Parli con loro? Come hanno gli occhi?
Lui: Non parlano con me ne, pero i loro occhi sono come quelli dei gatti.
Io: Perche non li hai detto che non li vuoi vedere e che non vuoi avere a che fare con loro??
Lui: Perche non mi hai detto che non devo stare ne meno con gli uomini.!!! E poi sono medici, Gabri. Ti devo dire una cosa…….La signora e molto cattiva.
Io: Signora??? Aaa, tu hai visto una coppia di questi dottori, non è vero?
Lui: Si, si. Lei mi diceva di stare tranquillo e di non fare casini.
Io: Ma tu non dovevi ascoltare lei. Tu dovevi fare come ti ho insegnato io.
Lui: Ok. Lo farò la prossima volta.
Quando sono andata in campagna ho avuto la possibilità di incontrare bambini di semplici contadini, uomini che guadagnano la loro giornata lavorando i campi, uomini che non hanno studiato niente pero molto più consapevoli del fenomeno diavolo rispetto a quelli che vivono nelle città, perche loro vivono con la natura, con gli animali e conoscono che qualcosa non va con certe persone. La loro spiegazione è semplice: sono spiriti malefici che vanno via seguendo certi rituali o è satana quello che tormenta tutti.
In una sera cerco di addormentare il bambino di un mio parente. Metto lui nel letto matrimoniale per primo, vicino alla finestra e io con la sua sorellina dal altra parte. Dopo solo cinque minuti il bambino si alza e spaventato viene vicino a me e mi prende tra le braccia e mi dice:
Lui: Non voglio stare li Gabri, non voglio stare. Ho paura.
Io: Paura? Perche hai paura, non vedi che sono vicino a te? Non vedi che bella luna e quante stelle sono nei cieli?
Lui: No, no, io non voglio stare li perche li è sempre qualcuno che mi guarda. Loro vengono da li e io non voglio andare. Ho paura del buio Gabri, credimi, e inizia a piangere.
Io: Scusa ma chi è che ti guarda? Non devi avere paura di nessuno perche nessuno ti può fare del male se tu non i permetti questa cosa.
Lui: E sono esseri che vogliono che vado con loro e io non voglio andare Gabri.
Io: Bravo. Tu non li devi permettere di prenderti e loro non potranno prenderti mai.
Lo prendo tra le mie braccia e i faccio coccole fin che tranquillo si addormenta.
Ho cercato di capire di più sul fenomeno alieni e bambini perche desideravo vedere come reagiscono i bambini di fronte ai attacchi mascherati di queste vigliacche bestie e lo pregai di disegnarmi qualcosa. Mi ha fatto tanti disegni dove era sempre una casa nera con finestre che avevano sbarre, fiori con foglie nere o blu scuro e con i petali gialli o rossi, bambini con occhi obliqui e strani uccelli a forma di sigaro. Di notte, quando andai con lui nel bagno mi sono resa conto che aveva paura di guardarsi nello specchio. La sua mamma mi disse che lui è cosi, è pauroso. Fu con lui anche dal prete per leggere dalla Bibbia pero è sempre rimasto cosi. Di notte faceva brutti sogni e correva gridando dalla sua stanza nella stanza dei genitori. Per lui tutte le case dovevano avere delle sbarre perche di notte vengono i ladri e ti prendono.
Ho incontrato una contadina che lei stessa aveva i sintomi classici del addotto però la cosa più interessante fu quando ha iniziato a parlare di suo figlio quale di notte si alzava gridando per la colpa di strane creature che aveva visto. La sua paura era cosi grande che lei stessa non riusciva a tenerlo, la sua forza era molto più grande di quella che aveva la sua mamma. Quella forza che suo figlio aveva la faceva spaventare perche il bambino aveva solo sette anni. Un’altra volta ha parlato con suo pappa che gridava di non fare dispetti mai in quella casa. Il bambino esce fuori di casa, va in cortile dove era parcheggiata la loro macchina, una vecchia Dacia 1300, e i da un pugno nel modo che ha sprofondato la portiera. In quel momento a iniziato a parlare con una voce che non era sua, una voce strana che diceva di non contraddirlo mai più. Poveri genitori spaventati erano coscienti che non era il loro bambino che parlava, ma il diavolo.
Un’altra volta suo bambino casca per terra è inizia a parlare una lingua strana. La sua voce era di un uomo adulto pero strana, come se venisse da qualche apparecchio e altre volte di notte, si alzava e voleva uscire fuori come se fossi stato guidato da qualcuno. Era come un robot come un nottambulo che non sa cosa fa perche lui poverino non si ricordava niente il giorno seguente.
Vedendo, sentendo e conoscendo questi casi ti stai chiedendo come si deve fare per salvare i bambini da queste cose, perche se per un adulto dottor Malanga ha trovato il modo di liberazione come si deve fare con un bambino piccolo che non sa ne meno bene parlare? Come fai a parlare con la sua parte spirituale se i genitori sono ignari di queste cose, e come fare a svegliare loro dal inganno della chiesa e delle religioni?
Mi ha turbato molto quello che vi ho raccontato perche in quei momenti ho riconosciuto me e mio figlio in tante ipostasi, ho capito com’è quando si prende coscienza di queste cose per vederli nella loro cattiva luce, ho capito ancor’ di più che significa inconsapevolezza con quale sei stato cresciuto per avere paura di tutto e per non credere niente a parte quello che ti viene raccontato.
Il fenomeno alieni e bambini esiste cosi come esiste anche il fenomeno di adduzione con la differenza che il primo è più orrendo e criminale perche i bambini di qualsiasi specie vivente sulla terra non si devono toccare.

AUTORE: GABRIELA DOBRESCU

4 thoughts on “I FIGLI DEGLI ADDOTTI

  1. Ciao Gabriela ,io ti consiglierei di guardare se i bambini hanno dei microchip inseriti,non è opera del diavolo,ma dei grigi.
    Io ho solo 15 anni ma di esperienze del genere ne ho avute molte e so come comportarmi.
    Ascolta ci sono diversi tipi di alieni qui sulla Terra ma i peggiori sono i rettiliani perché assumono sembianze umane,puoi benissimo riconoscerli dai loro occhi,assomigliano tantissimo a quelli di un rettile.
    I grigi sono loro “servi” e rapiscono noi umani per studiarci,come fanno all’area 51 (America),colo che lì fanno esperimenti sugli alieni.
    Il fenomeno ufo mi interessa paricolarmente proprio perché ho vissuto esperienze,te ne racconto alcune:
    Avevo 11 anni mi sono svegliata e intorno a me era un fruscio di luce bianca che ti acciecava sono andata in camera di mia madre ma non la vedevo,sono scesa in salotto,e c’era comunque questa luce,sono ritornata su ed era tutto normale.
    Avevo 12 anni ero a casa di mio zio,erano le 21 sono uscita fuori per prendere una boccata d’aria (accanto a casa mia c’è un bosco),vedo atterrare una navicella a forma di disco proprio in quel bosco.
    Avevo 14 anni ero in casa,era il mese di Luglio\Agosto,mia cugina era venuta da me per le vacanze,era fuori,quando mi chiama e fa “Stella vieni a vedere una navicella a forma di disco”,fuori c’era anche mia zia che stava stirando i panni,la navicella l’ho vista e dentro ho notato degli esseri strani che nessun’altro ha notato,dicevano che era una navicella militare ma non è possibile anche perché dove abito io non avrebbero motivo di venire i militari,mio padre era al computer gli ho raccontato tutto e mi ha riso in faccia,mia zia e mia madre pure ed anche gli altri nessuno mi ha creduta,la navicella ha fatto diversi giri intorno ad una casetta di legno che abbiamo,io gli ho salutati,pensando che fossero militari,ma sono sicura che non lo erano.
    Per quando riguarda la “salvezza dei bambini”,devi solo far credere a loro che non esiste nessuno di quiei esseri,che non devono dare retta a loro,e come ti ho già detto controlla se hanno dei microchip,fagli delle anilisi,sono cose percilose questi microchip.

  2. Ciao di nuovo ho letto tutto e trovo molte corrispondenze . Ho 12 anni e di queste esperienze ne ho avute più o meno 4/5 che ricordo verso i 6/7 anni . Sentivo strani rumori che mi svegliavano sentivo le ” presenze ” . Non sono mai stato un pavido e non mi spaventai poichè sapevo di essere più forte . Non so come . All ‘ inizio dormivo con una pistola a gommini che puntavo dove sentivo la presenza , fatto strano , ero sveglio ma non vedevo nulla ma vedevo come circa 2 mt di aria riempiti da qualcosa di imponente ma non colpivo nulla e se svegliavo i miei le risposte erano due: mio padre si arrabbiava e mi diceva pazzo , mia madre diceva di dormire e sarebbe tutto passato col tempo ( ora non li sento più ) ma ossessionato da tutto questo e dal fatto che ero impotente imparai a combattere . Presi lezioni di ju do e di pugnale mentre un mio amico mi insegnò un pò di kara te e di spada .Mi sentivo ancora più forte poichè con il pugnale , per esempio , riuscivo ( ancora oggi ) a disarmare la mia insegnante . Mi sbagliavo e col tempo mi sono accorto che anche da cintura nera di ju do rimango impotente e questa presenza ( credo un rettiliano … non so ) me lo ha fatto capire molto bene: era una calda estate del 2009 credo … verso mezzanotte , mentre mi stendevo sul letto , la stessa presenza mi blocco senza farmi male ma mi tenne tutto bloccato , il ju do o il pugnale erano innocui e mi disse in italiano perfetto ( quasi registrato su cassetta ) che ” aveva finito e il resto si sarebbe compiuto quando sarò adulto ” ( alla 1a persona ) e sempre mio padre non mi credette ma mia madre disse ” bene ” adesso non mi ha mai bloccato o non ho avuto sogni strani ( questi sogni soprattutto basati su una mia missione che devo raggiungere e come premio 5 persone mi fissano la testa con fari abbaglianti che mi facevano riprendere il sonno senza sogni alcuni ) ma comunque sento ogni tanto che questa presenza c’ è e anche so che la sente mia madre e ne ha paura perchè mi ha spiegato che ” un corpo è manovrabile , lo spirito no” e poi tutto lo ho spiegato col messaggio precedente … tutto si spiega e non credo di avere strani cip ma solo qualcosa dentro di me che mi da nozioni di fisica o matematica molto avanzate per la mia età e soprattutto non richieste ! Ma a quanto pare è il mio scopo . Non provate a combatterli con arti marziali o con lame , non funziona .

  3. Io da piccolo, 5-6 anni, quando avevo la febbre ricordo che il tempo rallentava e ascoltavo una voce lenta cattiva che mi parlava, capitava spesso quando stavo male e a volte riuscivo anche a farla ritornare con lo sforzo, poi dopo un giramenti di testa non è più successo. Mi sono sempre chiesto cosa fosse e non ne ho mai parlato con nessuno perché avevo paura che mi prendessero per matto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...